Un tempo c’era la smemo

Un tempo c’era la smemo. Fogli immacolati, che avevi quasi paura ad incignare. Chiaramente a settembre, come per tutti quelli che vanno a scuola, portano a scuola o che in qualche modo entrano in contatto con studenti, perlopiù under 18. Oggi invece c’è l’aifon, l’aiped e gli smartfon. Salvi tutto lì. Non hai bisogno diContinua a leggere “Un tempo c’era la smemo”

El milanès che non ti aspetti

Girovagando in serata nel cosiddetto cuore del Fuorisalone, di venerdì sera per giunta, sembra quasi impossibile. Poi però, ci torni con calma e per diletto il sabato pomeriggio e intravedi nella marea di gente, individui che trasportano borse della spesa. Signore che passeggiano col cane. O ancora, bambini che giocano nei cortili seminascosti. E alloraContinua a leggere “El milanès che non ti aspetti”

cinquanta sfumature di giallo

50 sfumature di giallo. Per chi non sopporta il rosa. Per chi è stufo del solito azzurro. O, ancora, per chi preferisce l’effetto sorpresa e resiste fino all’ultimo. Una tonalità che nella stanza dei bambini va sempre bene.  Un colore che, tra l’altro,  permette, anche in ambienti piccoli e non troppo luminosi, di rendere tutto piùContinua a leggere “cinquanta sfumature di giallo”

Salone e Fuorisalone a portata di click

Chi abita a Milano, diciamocelo, giá dopo due giorni, salvo uscite serali, ne ha probabilmente le scatole piene del Salone e del Fuorisalone. Chi invece è lontano, molto molto meno, soprattutto se tra gli addetti ai lavori e impossibilitato agli spostamenti. Difficile rendere l’atmosfera che si respira, la città che si anima in modo diversoContinua a leggere “Salone e Fuorisalone a portata di click”

Fuorisalone a misura di bimbo

Oggi non c’è storia. Non si parla d’altro in tema di design. Domani parte il Salone del Mobile e per le vie di Milano c’è gran fermento. Un’agitazione per addetti ai lavori, per la stampa ma anche per tutti coloro che aspettano con ansia le novità in fatto di arredo e decor. Novità che occupanoContinua a leggere “Fuorisalone a misura di bimbo”