Materiali d’arredo: quali sono i migliori per gli interni e per gli esterni

materiali d'arredo esterni.jpg

L’arredo degli spazi domestici, oggi, è una componente fondamentale per progettare una casa che sia a misura d’uomo e di spirito: la priorità, infatti, è allestire degli spazi che sappiano come rendere accogliente l’abitazione, anche da un punto di vista emozionale, non solo quando la famiglia siallarga. Non va però dimenticato che, se da un lato l’occhio vuole la sua parte, dall’altro conta anche ciò che non sempre si vede: ovvero i materiali, altra grande componente per l’arredo di una casa. Dai materiali, infatti, dipendono non solo lo stile dell’abitazione, ma anche la resistenza e la durata nel tempo delle componenti dell’arredo.

Chairs Interior Arredo Interior Decor House Table

Mobili da interni: quali sono i migliori materiali per l’arredo?

Quando si scelgono i mobili non bisogna mai sottovalutare l’aspetto del materiale che li compone: ognuno di essi, infatti, viene specificatamente realizzato per tollerare certe condizioni ambientali, come ad esempio l’umidità. In assenza di una alta resistenza delle materie prime, i mobili sono destinati a deteriorarsi nel giro di poco tempo, causando un danno sia economico che di stile. Ma quali sono i migliori materiali per i mobili da interni? Il legno massello è una scelta di design unica e preziosa: purtroppo ha una scarsa resistenza all’umidità, specialmente quando i mobili in legno non vengono trattati con i rivestimenti appositi.

Per ovviare al problema del legno, abbattendone il costo ma senza sacrificare lo stile, è possibile optare per i mobili in materiale sintetico: sono molto più resistenti, conservano il look del legno per via delle tecniche multi-strato, e tendono a non deformarsi nel medio-lungo periodo. Anche il compensato è un materiale multi-strato che si presta comodamente all’arredo degli interni, ed è composto da materiali non sintetici. Infine, l’ultima opzione è il laminato: il top in quanto a resistenza meccanica.

I migliori materiali per i mobili da esterni

Intanto, è bene ribadire che per mobili da esterno non si intendono solo quelli per i giardini, ma anche le componenti per i terrazzi e i balconi. Questo significa che danno l’opportunità di arredare anche queste zone della casa: ad esempio, un ampio balcone può essere arredato con un armadio da esterni, utile per riporre detersivi e altri prodotti di difficile collocazione. Se lo spazio lo consente è anche possibile posizionare uno dei tavoli da esterno delle attuali collezioni di arredamento, fra cui figurano quelle di Unopiù, resistenti e di design. Poi, con l’arrivo dei mesi caldi, queste componenti regaleranno tanti vantaggi extra, in primis, il poter sfruttare a pieno ritmo gli spazi esterni. Ma anche qui, quali sono i materiali più resistenti, che meglio si adattano a queste componenti? La priorità è che siano molto durevoli e pensati per condizioni atmosferiche come pioggia e Sole: ecco che i materiali intrecciati in fibre plastiche, come il Waprolace e il Sunloom, sono una soluzione spesso utilizzata per i mobili da esterno. Altri materiali perfetti per questi mobili sono i tessuti tecnici come l’acrilico e l’ecofilene, insieme ai materiali plastici puri come il polietilene. Infine, spazio alle tradizioni: il ferro battuto, il rame e l’alluminio sono molto resistenti e dunque indicatissimi per i mobili da esterno. Dulcis in fundo, questi materiali hanno anche il pregio di essere lavabili e resistenti, anche quando bimbi e amichetti utilizzano gli arredi come insolito piano d’appoggio per le loro opere d’arte.

materiale esterni mobili.jpg

 

Rispondi