Le piccole paure di Pelledoca editore

noi_4.jpg
©Giovanni Munari 2017

Leggere o non leggere le storie di paura?

Anche se a volte si tende ad eliminare questo aspetto almeno nei primi anni di vita, in realtà, recenti studi testimoniano di come sia un passaggio importante e di come possa aiutare ad affrontare fin da subito le piccole difficoltà.  Lo sa bene il team di Pelledoca editore, una nuova realtà editoriale specializzata proprio in libri di thriller, noir e mistero per bambini e ragazzi, che ha debuttato lo scorso Aprile.

9788832790016.jpg

Un catalogo che è partito con illustrati e romanzi, che vanta tra i primi titoli I topi di Dino Buzzati e Piccola mappa delle paure, di Andre Valente.

Ma andiamo a scoprire di più, con qualche domanda ad Andrea Camerana, uno dei 4 amici milanesi, fondatori della nuovissima casa editrice.

  1. Un progetto…da paura. Da cosa deriva questa scelta? Come è nata la casa editrice?

La casa editrice è nata dalla combinazione di due elementi: il nostro interesse  per uno specifico genere di narrativa legata al thriller, noir e mistero e la constatazione che il mercato offrisse un’opportunità proprio in quella fascia di età giovanile,  tra i 9 e i 15 anni, che ci interessava.  Non penso avremmo lanciato l’iniziativa se non ci fossimo intesi su un target piuttosto preciso come quello che avevamo in mente.

L’altra idea  che ci ha legati è stata quella di unire professionalità e scelte di qualità, sia dal punto di vista di contenuti che di grafica, con il piacere di lavorare insieme e condividere progetti editoriali nuovi e diversi.

ad_occhi_aperti-1200x624
©Giovanni Munari 2017
  1. Sul sito si legge che non si danno necessariamente risposte, ma si insegna a gestire la paura e il disagio, anche leggendo. Può essere una strada per aprire gli occhi nei confronti di fenomeni di bullismo o problematiche generazionali?

L’idea di base è di intrattenere i giovani lettori, appassionarli. Non vogliamo dare risposte, tantomeno sui temi più gravi e complessi. Riteniamo però che la lettura possa essere una forma di conoscenza. Una presa di consapevolezze che certi sentimenti o certe esperienze negative esistono e si possono affrontare. Con coraggio. Questo si.

 

 

gessmierc2

7″L’anatra, la morte e il tulipano” (edizioni e/o 2007)

  1. Tra i primi titoli, oltre alle novità di Georgia Manzi, o Non chiudere gli occhi di Formaggi, ecco che spunta Dino Buzzati, con I topi. Come mai la scelta è caduta su di lui?

Ci è piaciuta l’idea di lavorare sui grandi autori che hanno in qualche modo trattato il tema della paura. Ce ne sono tanti e volendo fare una scelta totalmente “italiana” non potevamo che cadere su Buzzati.

Ci siamo divisi la serie di racconti della Boutique del mistero  e ci siamo messi alla caccia di quello che ci intrigava di più. Una bellissima occasione per rileggere questo meraviglioso, poliedrico artista. Anche la sua storia di milanese adottivo e il suo legame con Il Corriere ci hanno fatto pensare potesse essere un ottimo inizio per il nostro lavoro…(incrociamo le dita…!)

Risultati immagini per pelledoca editore logo

Pelledoca editore

http://pelledocaeditore.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...