Along came… Pollaz

pollaz, placemat
pollaz, placemat

Apparecchiare è un gesto quotidiano che spesso compiamo in automatico e che ognuno fa a modo suo. Chi usa piatti tondi, chi quadrati. posate d’argento o quelle da tutti i i giorni.

Qui non è  questione di galateo. E’ proprio questione di gusti e di praticità. Un po’ come chi sceglie le tovaglie della nonna o chi preferisce quelle all’americana.

Se poi avete bimbi in giro, sapete già che ogni abitudine viene sconvolta, almeno per qualche anno. Allora via libera ad escamotage per rendere più divertente il momento della colazione, del pranzo o della cena. E, perché no, anche della merenda.

Oltre a piatti infrangibili, molto spesso in melamina o bambù, anche la tovaglietta ha il suo perché. Se poi è marchiata Pollaz, anche di più.

Pollaz, ovvero Paola Colombo. E da qualche anno da sfogo alla sua creatività, cucendo e lavorando vari materiali, propri come piccole scenografie in miniatura.

Io mi sono innamorata delle tovagliette a casetta, ma son sicura che vi piaceranno anche i Pillow Face e gli strepitosi guanti da cucina.

Li trovate qui.

pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat
pollaz, placemat

Rispondi