Borsadamamma

Mary Poppins | Walt DIsney
Mary Poppins | Walt DIsney

Non uscirà una lampada, come a Mary Poppins, ma poco ci manca. Qualche tempo fa, ad esempio, c’ho trovato un Pan di stelle. E allora? E allora non ne compro dai tempi delle elementari.
Ma nella mia borsa non è difficile scovare penne, fazzoletti, giornali, cosmetici e molto altro.
Chiaramente la taglia è XL, ma credo che dipenda da qualche fattore insito nel DNA, come tutte quelle le donne che sfidano incuranti, borsiti e tunnel carpale.
Perchè tutte le mie borse sono così.
È se un tempo le cambiavo a seconda dell’outfit, ultimamente sono più sedentarie, ma sempre molto farcite. L‘essere diventata mamma ha solo aggiunto oggetti, costringendomi, soltanto, ad aumentarne la capienza.
Capienza che forse deriva anche dall’essere stata una pendolare di treno per parecchi anni, status ed esperienza che ti permette di imparare a creare veri e propri mini bagagli. Mini bagagli perfetti anche per un weekend i moto, in cui riporre “tutto quello che potrebbe servire“, tra cui anche un eventuale cambio, per i periodi del “a casa mia o a casa tua“, sostituito poi egregiamente da pannolini e bavagli.
Per farla breve, come già anticipato via facebook, se vi riconoscete in queste condizioni, ecco il contest che fa per voi.
Si chiama #borsadamamma e i promotori sono paperproject.it e Kiddy Kabane, il nuovo shop online di design per bambini, ricco di proposte bellissime e alternative.
Partecipare è semplice, guardate qui sotto.

#borsadamamma
#borsadamamma

Avete tempo una settimana per immortalare alla rinfusa o sapientemente sistemato con ordine, tutto il contenuto delle vostre borse da mamma.

Rispondi